• Accreditato da

Presentazione

Da anni si parla del binomio psichiatria e aggressività, di quanto un “comportamento problema” fosse una caratteristica intrinseca della malattia mentale poco prevedibile e gestibile.

I comportamenti aggressivi venivano repressi, contenuti e non capiti stigmatizzando le persone come “pericolose” in quanto malate.

Nel tempo si è cominciato a delineare una nuova visione dei “comportamenti problema” sostituendo i termini di “pericolosità” e “imprevedibilità” con linee guida che non solo aiutavano gli operatori a cogliere i segnali d’allarme prima di un “comportamento problema” ma li aiutava anche a saper gestire in maniera funzionale tale comportamento “educando” la persona a trovare delle strategie di coping più adatte per poter canalizzare al meglio la rabbia e la frustrazione derivanti da un dato pensiero e/o evento.

Questa nuova ottica ha portato a comprendere che i “comportamenti problema” possono essere anche spia di patologie psichiatriche espresse tramite equivalenti comportamentali, soprattutto in soggetti con alterate capacità cognitive, come nei disturbi del neurosviluppo.

Ulteriore contributo, in questo senso, viene dato dalla pubblicazione del DSM V dove le diagnosi non guardano e incasellano più la persona nelle rigide categorie ma si apre ad una visone più ampia, ad un approccio “dimensionale” che permette di comprendere le diverse aree disfunzionali della persona, non necessariamente collegate alla patologia, e di lavorare insieme su di esse al fine di innalzare la soglia di tolleranza al di-stress, aumentare le proprie capacità di adattamento e di resilienza e ridurre, così, i “comportamenti problema”.

In questo quadro “dimensionale” per rendere efficaci gli interventi farmacologici, terapeutici e riabilitativi è centrale il lavoro d’equipe, dove ogni operatore deve avere una visone d’insieme della persona che assiste e mettere a disposizione le proprie competenze per saper individuare i segnali sentinella, saper gestire al meglio insieme al paziente i “comportamenti problema” ed insegnare abilità sociali più efficaci che permettano alla persona di ridurre questi comportamenti al fine di migliorare la propria qualità di vita in termini di autonomia e autoefficacia.

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

questionario ECM di valutazione

Responsabili

Responsabile Scientifico

  • AV
    Dott. Alessandro Valchera
    -

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Allergologia ed immunologia clinica
  • Anatomia patologica
  • Anestesia e rianimazione
  • Angiologia
  • Audiologia e foniatria
  • Biochimica clinica
  • Cardiochirurgia
  • Cardiologia
  • Chirurgia Generale
  • Chirurgia Maxillo-facciale
  • Chirurgia pediatrica
  • Chirurgia plastica e ricostruttiva
  • Chirurgia toracica
  • Chirurgia vascolare
  • Continuita assistenziale
  • Cure Palliative
  • Dermatologia e venereologia
  • Direzione medica di presidio ospedaliero
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Epidemiologia
  • Farmacologia e tossicologia clinica
  • Gastroenterologia
  • Genetica medica
  • Geriatria
  • Ginecologia e ostetricia
  • Igiene degli alimenti e della nutrizione
  • Igiene, epidemiologia e sanita pubblica
  • Laboratorio di genetica medica
  • Malattie dell'apparato respiratorio
  • Malattie Infettive
  • Malattie metaboliche e diabetologia
  • Medicina aereonautica e spaziale
  • Medicina del lav. e sicurez. degli amb. di lav.
  • Medicina dello sport
  • Medicina di comunita'
  • Medicina e chirurgia di accettaz. e di urgenza
  • Medicina fisica e riabilitazione
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Medicina interna
  • Medicina legale
  • Medicina nucleare
  • Medicina subacquea e iperbarica
  • Medicina termale
  • Medicina trasfusionale
  • Microbiologia e virologia
  • Nefrologia
  • Neonatologia
  • Neurochirurgia
  • Neurofisiopatologia
  • Neurologia
  • Neuropsichiatria infantile
  • Neuroradiologia
  • Oftalmologia
  • Oncologia
  • Organizzazione dei servizi sanitari di base
  • Ortopedia e traumatologia
  • Otorinolaringoiatria
  • Patologia clinica
  • Pediatria
  • Pediatria (pediatri di libera scelta)
  • Privo di specializzazione
  • Psichiatria
  • Psicoterapia
  • Radiodiagnostica
  • Radioterapia
  • Reumatologia
  • Scienza dell'alimentazione e dietetica
  • Urologia

Psicologo

  • Psicologia
  • Psicoterapia

Assistente sanitario

  • Assistente sanitario

Fisioterapista

  • Fisioterapista

Educatore professionale

  • Educatore professionale

Infermiere

  • Infermiere

Logopedista

  • Logopedista

Tecnico della riabilitazione psichiatrica

  • Tecnico della riabilitazione psichiatrica
leggi tutto leggi meno

Localizzazione

  • casa di cura Villa San Giuseppe
  • Via dei Girasoli 6, 63100 Ascoli Piceno (AP)
  • Tel. - - Fax.
  • Visualizza sulla mappa