• Accreditato da
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Si stima che circa 1 persona su 8 soffrirà, nel corso della vita, di un disturbo depressivo.

Questi pazienti possono presentare quadri clinici molto eterogenei, spaziando dalle depressioni bipolari a quelle unipolari, dalle forme depressive non melanconiche a quelle melanconiche e/o psicotiche, da quelle di breve durata, che spesso si associano al disturbo borderline di personalità, a quello ad andamento cronico. 

In questa eterogenicità clinica, non è sempre  agevole riconoscere uno specifico  disturbo: per es. ai primi episodi non è agevole differenziare le forme unipolari da quelle bipolari, oppure identificare un disturbo depressivo nei pazienti nei quali concomiti un decadimento cognitivo.

Anche dal punto di vista terapeutico, l’eterogeneità dei disturbi depressivi pone  problemi di non facile soluzione. Basti pensare alla possibilità che un paziente risulti resistente alla terapia e, quindi, alla difficoltà di individuare un nuovo trattamento per il paziente.   

Obiettivo del Corso è aumentare le capacità diagnostiche e terapeutiche dello specialista che si prende cura dei pazienti con disturbi depressivi presentando e discutendo, anche con l’ausilio di casi clinici,  le più recenti acquisizione sia clinche sia terapeutiche delle varie forme di disturbi depressivi.

Una particolare attenzione sarà rivolta alla diagnosi e al trattamento dei disturbi depressivi nelle donne in gravidanza e nel puerperio, al fine di evitare l’impatto negativo che i disturbi depressivi hanno sulla donna e sul neonato. 

Programma

Ore 08.30       Registrazione dei partecipanti

Ore 09.00       Introduzione convegno - Carlo Marchesi

Moderatore: Carlo Marchesi

Ore 09.15       L’eterogeneità della Depressione Unipolare - Matteo Tonna 

Ore 09.45       La Depressione Bipolare - Paolo Ossola 

Ore 10.15       Quali caratteristiche rendono la depressione non responsiva al trattamento - Umberto Albert 

Ore 10.45       Depressione nel paziente anziano: quanto è rilevante la componente organica? - Claudio Vampini 

Ore 11.15       Discussione sugli argomenti precedenti

Ore 11.30       Pausa

Ore 11.45       La depressione nel Disturbo Bordeline di Personalità - Chiara De Panfilis   

Ore 12.15       La gestione dei Disturbi Depressivi in gravidanza e nel puerperio - Benyamin Daniel 

Ore 12.45       Discussione sugli argomenti precedenti

Ore 13.00       Pausa Pranzo

Ore 14.00       Presentazione e discussione di un caso clinico - Alberto Monici 

Ore 16.30       Considerazioni conclusive

Ore 17.00       Compilazione questionario di apprendimento

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

Si stima che circa 1 persona su 8 soffrirà, nel corso della vita, di un disturbo depressivo.

Questi pazienti possono presentare quadri clinici molto eterogenei, spaziando dalle depressioni bipolari a quelle unipolari, dalle forme depressive non melanconiche a quelle melanconiche e/o psicotiche, da quelle di breve durata, che spesso si associano al disturbo borderline di personalità, a quello ad andamento cronico. 

In questa eterogenicità clinica, non è sempre  agevole riconoscere uno specifico  disturbo: per es. ai primi episodi non è agevole differenziare le forme unipolari da quelle bipolari, oppure identificare un disturbo depressivo nei pazienti nei quali concomiti un decadimento cognitivo.

Anche dal punto di vista terapeutico, l’eterogeneità dei disturbi depressivi pone  problemi di non facile soluzione. Basti pensare alla possibilità che un paziente risulti resistente alla terapia e, quindi, alla difficoltà di individuare un nuovo trattamento per il paziente.   

Obiettivo del Corso è aumentare le capacità diagnostiche e terapeutiche dello specialista che si prende cura dei pazienti con disturbi depressivi presentando e discutendo, anche con l’ausilio di casi clinici,  le più recenti acquisizione sia clinche sia terapeutiche delle varie forme di disturbi depressivi.

Una particolare attenzione sarà rivolta alla diagnosi e al trattamento dei disturbi depressivi nelle donne in gravidanza e nel puerperio, al fine di evitare l’impatto negativo che i disturbi depressivi hanno sulla donna e sul neonato. 

Responsabili

Responsabile Scientifico

  • CM
    Dott. Carlo Marchesi
    -

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Geriatria
  • Medicina del lav. e sicurez. degli amb. di lav.
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Neurologia
  • Pediatria
  • Psichiatria

Psicologo

  • Psicologia
  • Psicoterapia
leggi tutto leggi meno

Localizzazione