AVVISO IMPORTANTE

Le istruzioni per la compilazione del questionario di valutazione ECM online sono disponibili tra gli allegati in fondo alla pagina
  • Accreditato da:
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

L’affermarsi nelle ultime decadi dei modelli legati dei disturbi psichici legati al neurosviluppo ha avvicinato e portato a sovrapporre le aree di intervento dei servizi per l’infanzia/adolescenza (UFSMIA) e della vita adulta (UFSMA). Da un lato la convinzione ormai diffusa e sostenuta da diversi dati neuroscientifici, oltre alle ricerche cliniche, che le forme di psicosi maggiori dell’adulto abbiano  inizio con sintomi prodromici e premonitori subito dopo la pubertà (e eccezionalmente anche prima), ha condotto alla necessità di sviluppare strumenti per la identificazione precoce dei soggetti a rischio e di iniziare i trattamenti psicofarmacologici ben prima del diciottesimo anno di vita. Dall’altro molti disturbi del neurosviluppo precoce, come la disabilità intellettiva, i disturbi dello spettro autistico e l’ADHD, proseguono nella vita adulta con configurazioni cliniche disparate ma sempre estremamente rilevanti per i servizi dell’adulto. Si sta quindi affermando, sia a livello di ricerca e che di collaborazione clinica, un paradigma di “psichiatria di transizione” che necessita di precisi ed anche innovativi protocolli di collaborazione tra UFSMIA e UFSMA.

Ulteriore elemento di interesse sono i cambiamenti espressivi della psicopatologia degli esordi psicotici che si osservano nella generazione dei cosiddetti “nativi digitali” in relazione anche ai cambiamenti sociali delle strutture familiari e di quelle identitarie, oltre che all’influenza dei social media sui sistema dei valori e alla sempre maggior diffusione dell’abuso di sostanze e della loro tolleranza sociale.  E’ possibile descrivere e  ridefinire con precisione questa psicopatologia nelle età di transizione, anche in vista della prevenzione degli esiti meno positivi,  soltanto attraverso un metodo di lavoro comune e parallelo tra UFSMA  e UFSMIA.

Questo incontro di formazione vuole affrontare gli aspetti più rilevanti per l’area della psichiatria di transizione da una punto di vista psicopatologico, clinico, psicofarmacologico e istituzionale, in  vista della definizione di competenze e protocolli di intesa sempre più efficaci per la prevenzione ed il trattamento di disturbi che affliggono una parte rilevante della popolazione giovanile, i quali, altrimenti, rischiano di cronicizzare precocemente con  devastanti ricadute assistenziali e sociali.

Programma

Programma

09.00     Saluti delle autorità

              Introduzione, chairman: Marco Armellini

09.30     Dall’Ebefrenia agli esordi psicotici dei nativi digitali: i cambiamenti espressivi in psicopatologia

              Riccardo Dalle Luche

10.00    Transizione e autismo

              Marco Bertelli

10.30    Le emergenze psichiatriche degli adolescenti

              Tiziana Pisano

11.00    Coffee break

11.30    Neurosviluppo, rete dei servizi e protocolli per la una neuropsichiatria di transizione

            Bruno Sales

12.00    Disturbi psichici percorsi di transizione di genere

             Giovanni Castellini

12.30     Cannabinoidi e esordi psicotici

              Andrea Ballerini

12.50    Discussione su tutte le relazioni della mattina

13.30    Pausa catering

14.30    Protocolli di passaggio

             Mario Landi

15.00    Un aggiornamento sul trattamento psicofarmacologico dei DCA a nei giovani e nei giovanissimi

             Stefano Lucarelli

15.20    I Workshop

             La gestione integrata dei passaggi dei pazienti dall’adolescenza alla vita adulta: esperienze sul campo nelle diverse aree dell’asl Toscana Centro

             Chairman e Discussant: Giuseppe Cardamone

15.30    Aspetti clinici psichiatrici dei “cognitivi borderline”

              Laura Ravani

15.40    L’esperienza di Prato

             Lorenzo Tatini, Alice Dallai

16.00    Una scheda clinica per i passaggi da UFSMIA a UFSMA

             Silvia Giusti, Paolo Dirindelli

16.30    II Workshop

Il trattamento farmacologico della schizofrenia nell’adolescenza e nell’adulto: linee guida e protocolli

              Angelo Maremmani

17.30     Discussione

18.00     Chiusura dei lavori

 

 

 

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

Questionario di valutazione ECM online

Lingua

Italiano

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Neuropsichiatria infantile
  • Psichiatria

Psicologo

  • Psicologia
  • Psicoterapia
leggi tutto leggi meno

Allegati

Localizzazione