AVVISO IMPORTANTE

Per tutti gli eventi residenziali della stagione 2022 è obbligatorio presentare Green Pass e autocertificazione al momento dell'arrivo in sede congressuale.
Autocertificazione COVID scaricabile nella sezione ALLEGATI in fondo alla pagina.
  • Accreditato da:
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Nonostante la considerevole diminuzione della mortalità cardiovascolare (CV) registrata negli ultimi decenni in molti paesi europei, le malattie cardiovascolari di natura aterosclerotica continuano a rappresentare la causa principale di morte prematura in Europa e nel mondo occidentale e condizionano la mortalità di soggetti affetti da altre patologie.
Elevati livelli plasmatici di colesterolo totale e di colesterolo LDL rappresentano uno dei maggiori fattori di rischio CV. In effetti, osservazioni di natura genetica e di carattere anatomo-patologico, così come studi osservazionali e di intervento, hanno definitivamente evidenziato che le anomalie del metabolismo lipidico, in particolar modo i livelli elevati di colesterolo, giocano un ruolo cruciale nel determinismo delle malattie cardiovascolari e che la prevalenza di questa condizione risulta particolarmente elevata in tutto il mondo.
Le linee guida della Società Europea di Cardiologia aggiornate nel 2019 hanno ulteriormente enfatizzato la necessità di ridurre drasticamente i livelli di colesterolo legato alle lipoproteine a bassa densità (C-LDL) al fine di ridimensionare il rischio di eventi cardiovascolari avversi. Tuttavia, nonostante le raccomandazioni delle linee guida, i dati di “real world” continuano a porre in evidenza le difficoltà a raggiungere i target raccomandati. Emerge in generale un sottoutilizzo dei farmaci ipolipemizzanti in pazienti ad alto rischio, con gravi ripercussioni sulla sopravvivenza e la qualità di vita degli stessi. Vi è quindi necessità che specialisti di diversi settori collaborino nell’individuare i pazienti a rischio per potere mettere in atto i trattamenti farmacologici più innovativi, come gli inibitori PCSK9, capaci di affiancarsi ai tradizionali presidi farmacologici al fine di poter raggiungere i target indicati dalle linee guida internazionali.
L’incontro si propone di metter insieme le competenze di diversi specialisti per affrontare a tutto tondo la problematica della prevenzione cardiovascolare, con riferimento alle dislipidemie, cercando di massimizzare la prevenzione mediante un effetto sinergico e combinato.

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

Questionario online di valutazione ECM

Responsabili

Docente

  • GB
    Dott. Guido Bigliardi
    Medico Chirurgo Neurologo Responsabile di Struttura Semplice “Stroke Unit” presso la Clinica Neurologica dell’OCSAE, Modena
  • GB
    Prof. Giuseppe Boriani
    Medico Chirurgo specializzato in Cardiologia Professore di Malattie dell’Apparato Cardiovascolare, Unimore
  • FN
    Dott. Fabio Nascimbeni
    Medico Chirurgo specializzato in Medicina Interna Dirigente Medico di Medicina interna, UO Medicina interna metabolica AOU Modena
  • DP
    Dott.ssa Daniela Piani
    Medico Chirurgo specializzato in Medicina Interna UOC Medicina Interna ad indirizzo Diabetologico, AUSL Modena
  • RR
    Prof. Rosario Rossi
    -
  • RS
    Dott. Roberto Silingardi
    -

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Cardiologia
  • Chirurgia vascolare
  • Malattie metaboliche e diabetologia
  • Medicina interna
  • Nefrologia
  • Neurologia
leggi tutto leggi meno

Allegati

Localizzazione