• Accreditato da:
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Ad oltre un anno dal dilagare apparentemente incontrollato dell’epidemia da COVID-19, appare ormai riduttivo parlare di sola pandemia.Le dimensioni assunte dalla diffusione dell’infezione virale, le sollecitazioni che questa ha comportato per i sistemi sanitari nazionali, i pesanti cambiamenti di stili di vita imposti alle popolazioni colpite dal virus si sono ripercossi su tutto il “sistema salute”, facendo registrare un significativo incremento di tutte le principali patologie, quali le malattie cardiovascolari, oncologiche e soprattutto psichiatriche, creando quindi un’emergenza che da sanitaria è dive­nuta anche sociale e socioeconomica.Appare quindi corretto utilizzare il termine indicato, per prima dalla rivista Lancet, di Sindemia, intendendo con essa quel fenomeno per cui l’aggregazione di due o più epidemie concomitan­ti o sequenziali in una popolazione aggrava la prognosi e l’incidenza delle stesse, generando problemi di salute ma anche ambientali sociali ed economici.Tutto il periodo della pandemia è stato caratterizzato da alti livelli di stress determinato dalle preoccupazioni economiche e legato alla paura della malattia per sé e per i propri cari, ai lutti non elaborati, al cambiamento radicale degli stili di vita, che ha registrato fra l’altro un aumento dell’uso di sostanze. Abbiamo quindi assistito progressivamente al costituirsi di quella che può essere definita una sorta di “tempesta perfetta” per l’incremento di ansia e depressione, ma anche di tutti gli altri disturbi psichici, determinando un aumento di agiti autolesivi e di suicidi.In questo drammatico contesto tutta la rete dei servizi psichiatrici si è trovata costretta a met­tere in atto procedure di prevenzione nei confronti del diffondersi dell’infezione, che hanno comportato spesso la necessità di “reinventarsi” una modalità di lavoro radicalmente diversa da quella consueta e, contemporaneamente, a fronteggiare una “richiesta” che aumentava in una situazione ben nota a tutti di cronica carenza di risorse.Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura, luogo deputato alla cura dell’ acuzie ma anche bran­ca ospedaliera della psichiatria, ha mostrato spesso in questo frangente l’inadeguatezza di un modello strutturale e organizzativo istituito su bisogni ormai molto lontani nel tempo e non più corrispondenti alle nuove esigenze legate, a prescindere dalla sindemia in corso, ai profondi cambiamenti della società e dell’espressione psicopatologica con particolare attenzione alla gestione dei comportamenti a rischio.Gli SPDC hanno visto cambiare la propria utenza registrando un incremento di quadri psicopatologici, spesso caratterizzati da disturbi della condotta, con agiti anche di tipo auto ed etero aggressivo. Disturbi di personalità, comorbidità con l'uso di sostanze, disturbi del neurosviluppo, disturbi del comportamento alimentare, coesistono accanto all’utenza “più tradizionale”, a cui si aggiungono gli esordi sempre più frequenti in età adolescenziale, con minori che vengono ad essere ricoverati nei reparti di psichiatria e pazienti psichiatrici autori di reato, che "sostano" a volte anche per mesi in SPDC in attesa di REMs o comunità.La trasformazione dell' utenza e la sollecitazione ad un cambiamento organizzativo e a nuove conoscenze scientifiche saranno gli argomenti di riflessione e di approfondimento del Congresso. Momento di riflessione e confronto su quanto è stato fatto per fronteggiare l'emergenza Covid, ma anche momento di riflessione e confronto teso a sviluppare nuove capacità e nuove strategie in grado di fronteggiare le attuali e future sfide cliniche e organizzative.L’evento si svilupperà su tre giornate: le mattine, in sessione plenaria, saranno dedicate all’approfondimento scientifico delle tematiche di carattere generale; i pomeriggi, articolati in simposi paralleli, consentiranno un confronto e un approfondimento degli argomenti trattati durante le mattine mediante la condivisione di saperi e pratiche cliniche tra tutti gli operatori degli SPDC.

Programma

Percorsi diagnostici e terapeutici del paziente autore di reato in SPDC.

Moderatori: G. Cerveri – S. De Giorgi                                                                  

 

Presentazione documento SIP Lombardia: Autori di reato.                                                                G. Cerveri

 

Il Paziente autore di reato: percorsi di cura, appropriatezza e gestione del rischio clinico.              S. De Giorgi  

 

Il paziente autore di reato dall'SPDC alle REMS: criticità nel rapporto con la Magistratura.             G. Nicolò

 

Il paziente autore di reato dalle REMS al rientro sul territorio: criticità nel rapporto con i servizi di Salute Mentale. P.A. Magnani

 

Il paziente autore di reato nelle strutture residenziali psichiatriche pubbliche e private: quali criticità e quali opportunità? S. Varia

 

La gestione dei pazienti a doppia diagnosi in acuto: SERT e SPDC.                                                                         

Moderatore: F. Chimenz - M. Riglietta

Esordi e uso di sostanze.                                                                                                                 G. Ducci

La gestione in acuto dell’intossicazione da abuso di sostanze.                                                S. Nassini  

Il paziente condiviso. Il punto di vista del medico del SPDC.                                                    M.O. Toscano

Il paziente condiviso. Il punto di vista del medico del SERT.                                                     G. Galimberti

 

Progettare i nuovi SPDC in funzione dei nuovi bisogni: i luoghi, gli spazi, l’organizzazione.

Moderatore: D. Amendola                              

La progettazione dei luoghi di cura.                                                                                              F. Rubeo

Rimodulazione degli SPDC: dalle “porte aperte” alla riabilitazione precoce.                       A. Conca

Lo Spazio Famiglia in SPDC: il modello Cagliari.                                                                           P. Trincas

La risposta al bisogno di ricovero in area svedese. Percorsi e spazi presso il Sahlgrenska University Hospital in Gothenburg.                                                                                                                              E. Mingotto

La risposta al bisogno del ricovero nelle realtà estere: l’Inghilterra.                                       A. Di Giorgio

    

Le urgenze in Pronto Soccorso: evoluzione della domanda e proposte operative.

Moderatori: M. De Rossi - A. Lasalvia            Discussant: D. Filippo

 

Il Progetto UPSI 19: quale evoluzione delle urgenze psichiatriche in corso di pandemia.                 S. Rosson – M. Bianco

 

Effetti del lockdown sugli accessi psichiatrici ai Dipartimenti di Emergenza – Urgenza. Uno studio osservazionale sui dati dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona.                                                                           L. Bodini  – C. Bonetto

 

La gestione multidisciplinare dell’agitazione psicomotoria in Pronto Soccorso: una proposta operativa.       A Gori – M. De Rossi

                            

Le emergenze psichiatriche dell’età evolutiva in ambito ospedaliero. Aspetti clinici e organizzativi.            

Moderatore: C. Fraticelli

 

Epidemiologia, linee di indirizzo e buone pratiche nell'emergenza-urgenza psichiatrica in età evolutiva. A Costantino

 

L’acuzie psichiatrica in adolescenza in tempo di pandemia. Esperienza in reparto di NPI.                                A. Albizzati

 

Gestione dell’emergenza psichiatrica di soggetti in età evolutiva in area pediatrica.                                        L. Parola

 

La risposta dei servizi all’emergenza in età evolutiva nella provincia di Como: aspetti clinici e organizzativi. P. Conti

 

L’emergenza psichiatrica nei soggetti under 18 alle porte dell’ospedale. Quale il ruolo della psichiatria adulti? G. Bianconi

    

Psichiatria e migranti: percorsi di diagnosi e cura in SPDC e presa in carico territoriale.  

Moderatori: M.E. Percudani – A. Zanobio    

 

Diagnosi e trattamento dei disturbi psichici acuti in soggetti migranti ricoverati in SPDC.                                F. Lise

 

La presa in carico del soggetto migrante con disturbo psichiatrico: dall’acuzie psicopatologica alla formulazione di un percorso di cura territoriale.                                                                                                                                M. Marzagalia

Modelli di intervento integrato per la presa in carico del soggetto migrante con disturbi psichiatrici.          E. Mascazzini

Progetto Migramenti e Network Tavolo Bassa Soglia: costruzione di modelli di gestione integrata di soggetti migranti con disturbi psichici.                                                                                                                                                                S. Bruletti

ù

Esordi psichiatrici e ricoveri di giovani adulti durante la pandemia

Moderatori: G. Ducci – M. Vaggi

 

I ricoveri di giovani adulti in SPDC durante la pandemia: analisi del fenomeno.                                                 L. Ghio  

 

Abuso di sostanze e rischio di ricovero dei giovani durante la pandemia.                                                            R. Picci

 

Giovani in SPDC e disturbi del neurosviluppo: riflessioni pre e post pandemia.                                                 G. Migliarese

 

La responsabilità professionale in psichiatria, tra luoghi e processi di cura.        

Moderatore:  A.Amatulli

 

La responsabilità in psichiatria tra regole cautelari e diritti all'autodeterminazione del paziente.                  A. Amatulli

 

Orientamenti clinici e psichiatrico-forensi in tema di responsabilità professionale per atti compiuti dai pazienti. F.Durbano

 

Colpa specifica e colpa generica alla luce dei nuovi assetti legislativi sulla responsabilità professionale. Il valore pratico delle linee guida.                                                                                                                                                                   R. Mantovani

               

Scripta manent: l'irrisolto problema della tenuta documentale sociosanitaria.                                                  M. Marchesi

 

Interventi riabilitativi precoci in SPDC.         

Moderatore: A. Bellomo

 

Il reparto che vorrei: vissuti, bisogni ed idee di utenti, familiari ed operatori.     C. Viganò – E. Grazioli – D. Caldara

Adattamento, per gli aspetti relativi al COVID, dell'intervento cognitivo-comportamentale di gruppo in SPDC.     F. Veltro

Mens sana in corpore sano: la percezione sensoriale come percorso riabilitativo in SPDC.             C. Niolu – A.M. Paterniti

Stati di crisi, latenza terapeutica: le pratiche della “rianimazione” psicosociale in SPDC.                  F. Bresciani

                                                                                                                                    

L'impatto della sindemia nell'organizzazione e nell'assistenza infermieristica negli SPDC.                                              

Moderatore: C. Moro  Discussant: C. Fraticelli

L’Assistenza Infermieristica in SPDC: nuova utenza, nuovi bisogni, vecchie criticità.          G. Ianzano

Il SPDC e la sfida possibile del no-restraint al tempo del Covid.                                              D. Babich – B. Bazzoli – M. Davì

Approccio Infermieristico ai comportamenti a rischio nel SPDC.                                             N. Simula

Promuovere il cambiamento organizzativo: il Primary Nursing nel SPDC.                             A. Tanzi – E. Paganini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni

Obiettivo formativo

2 - Linee guida - protocolli - procedure

Mezzi tecnologici necessari

Sistema operativo
Windows 7 - Windows 10
Mac OS X 10.9 (Mavericks) - macOS Catalina (10.15)
Linux
Google Chrome OS
Android OS 5 (Lollipop) - Android 9 (Pie)
iOS 10 - iOS 12
Windows Phone 8+, Windows 8RT+
Web browser
Google Chrome (ultime due versioni)
Mozilla Firefox (ultime due versioni)
Internet Explorer v11
Apple Safari (ultime due versioni)
Microsoft Edge (ultime due versioni)
Connessione internet
Computer: 1 Mbps o superiore
Mobile: 3G o superiore (WiFi consigliato)
Hardware
PC/MAC Desktop o laptop 2GB RAM (minimo), 4GB o superiore RAM (raccomandato)
Device Android/iOS/Windows Phone
Microfono e auricolari
Software
GoToWebinar desktop o mobile app (per FAD sincrona/Webinar)
JavaScript abilitato da PC

Procedure di valutazione

Questionario di valutazione ECM online

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Farmacologia e tossicologia clinica
  • Medicina e chirurgia di accettaz. e di urgenza
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Medicina interna
  • Neurologia
  • Neuropsichiatria infantile
  • Psichiatria
  • Psicoterapia

Farmacista

  • Farmacia Ospedaliera
  • Farmacia territoriale

Psicologo

  • Psicologia
  • Psicoterapia

Educatore professionale

  • Educatore professionale

Infermiere

  • Infermiere

Tecnico della riabilitazione psichiatrica

  • Tecnico della riabilitazione psichiatrica
leggi tutto leggi meno

Promozioni attive

  • FAD Bergamo sessioni parallele